Primi piattiRicette

Frittelle di Miglio, una straordinaria fonte di energia!

Frittelle-di-miglio

I cereali rappresentano la migliore fonte di energia che possiamo dare ai nostri figli, apportando all’organismo proteine, sali minerali, vitamine e fibre. Per questo motivo è bene assumerne una porzione per pasto principale della giornata: colazione – pranzo – cena.

Infatti, a loro è dedicato un dei primi gradini della piramide alimentare, sopra frutta e verdura; una piramide che tutti noi dovremo tenere a mente quando decidiamo il menù per la nostra famiglia.

piramide-alimentare-min

I cereali sono sette, come i giorni della settimana: Frumento, Riso, Orzo, Mais, Miglio, Avena, Segale.

Il cereale che uso di meno in cucina è sicuramente il miglio, perché mi ricorda il mangime degli uccellini. In realtà, ho scoperto che il miglio è ricco di virtù curative, inoltre è l’unico cereale alcalinizzante. E’ straordinario per l’apparato digerente, e grazie al silicio assicura un importante contributo alla bellezza di unghie, capelli, pelle e smalto dei denti. E’ anche una buona fonte dei minerali soprattutto fosforo, manganese e magnesio. Non contiene glutine, perciò costituisce un’ideale alternativa per i celiaci.

La polenta di miglio fu per secoli un piatto tipico dell’Italia settentrionale. Dopo la scoperta dell’America però arrivò il mais, e la coltivazione del miglio cominciò a essere progressivamente abbandonata, sostituita da mais e altri cereali che erano più produttivi.

Abituarsi a consumare tutti i cereali, soprattutto integrali, serve a mantenere l’alimentazione equilibrata,  offre stimoli corretti al metabolismo e favorisce il buonumore. Il miglio in particolare aiuta anche il ritmo sonno-veglia.

Per imparare ad apprezzarlo possiamo provare queste semplici frittelle.

Ingredienti:

  • 180 g di miglio decorticato
  • 100 g di farina
  • 10ml cucchiai di olio evo
  • 1/2 cucchiaino di cremortartaro (si può sostituire con un pizzico di lievito per preparazione salate oppure non metterlo)
  • sale grosso

Procedimento:
1) Cuciniamo il miglio: lavare il miglio sotto acqua corrente. Intanto, portare a ebollizione una generosa quantità di acqua, perché il miglio è un cereale che cresce molto, con un po’ di sale grosso. Versare il miglio e far cuocere per circa 30 minuti a fuoco basso, mescolando ogni tanto.

Potrebbe formarsi sulla superficie della schiuma. Toglietela con un una schiumarola ma non pensate che sia una cosa negativa, anzi. Quando i cereali rilasciano in cottura delle impurità è indice di genuinità. Vuol dire che il prodotto non è troppo lavorato e quindi ha mantenuto tutte le sostanze nutritive. Dopo 30 minuti scolare il miglio lasciarlo un po’ su uno scolapasta a trame sottile affinché si asciughi bene.

Sofia mangia il miglio anche così, con solo un po’ di olio, al posto della pasta. La cosa migliore sarebbe aggiungere delle verdure e un po’ di legumi.

Ma torniamo alle nostre frittelle.

2) Prepariamo la pastella: setacciare la farina in una ciotola, aggiungere l’olio d’oliva e il cremortartaro. Unire poco alla volta, per non formare grumi, 1 bicchieri di acqua fredda e continuare a mescolare. Incorporare alla pastella il miglio e amalgamare il tutto. Assaggiare e decidere se è il caso di aggiungere del sale.

3) Cuociamo le frittelle: prendere una padella antiaderente e scaldare l’olio di girasole, con il cucchiaio prendere un poco alla volta un po’ del composto e lasciare soffriggere per almeno 2 minuti per parte. Sarà facile girare le frittelle solo quando sotto avranno fatto una bella crosticina, se provando a girarle non si staccano aspettate. Tirare su le frittelle e adagiarle su della carta assorbente, servire calde.

Frittelle-di-miglio4

Frittelle-di-miglio3

Frittelle-di-miglio 1

Grazie per aver letto la ricetta, ti aspetto sulla mia pagina facebook, inoltre scarica gratuitamente il mio e-book iscrivendoti alla newsletter. 😉

2 pensieri su “Frittelle di Miglio, una straordinaria fonte di energia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.