Inganni culinariRicetteSecondi piatti

Frittelle di spinaci

Durante queste vacanze natalizie siamo stati come ogni anno sulle montagne abruzzesi. A casa di una amica di mia madre, mentre fuori nevicava copiosamente, si parlava come al solito di cibo! A Sofia è stato chiesto quali verdure mangiasse e lei ha detto “gli spinaci“. Veramente? non lo sapevo! L’amica di mia mamma ci racconta che lei fa sempre per la sua nipotina delle frittelline con gli spinaci, così ho proposto a Sofia di farle per la sera. Lei è rimasta impietrita e mi ha dato uno sguardo carico di tensione come a dire “che cavolo stai dicendo mamma?” ma non si è lamentata, forse sperava che me ne sarei dimenticata ma sfortunatamente per lei a casa c’erano dei bellissimi spinaci.

Ecco la ricetta che ho improvvisato quella sera ma che poi ho rivisto a casa:

  • 1 uovo
  • 400gr spinaci
  • 20 latte vegetale (ma si può usare anche quello vaccino)
  • 700gr farina
  • 20gr parmigiano

Facoltativo:

  • Formine
  • Robiola

Ho cotto gli spinaci in abbondante acqua salata, e li ho scolati e messi da parte. Ho sbattuto l’uovo in una ciotola, aggiunto il latte e setacciato la farina. Una volta avuto un composto liscio ho aggiunto il parmigiano e un pizzico di sale.

Poi ho strizzato bene gli spinaci che nel frattempo si erano freddati un pò e li ho tagliati a piccoli pezzi con una forbice, in questo modo quando la piccola mangiatrice farà il suo primo morso non ci saranno filamenti che potrebbero disturbarla, e li ho uniti al composto.

Infine, ho preso una padella antiaderente con un pò di olio, quando l’olio è diventato caldo ho messo la pastella aiutandomi con due cucchiai ed ho controllato che la frittella fosse abbastanza grande per essere poi coppata con le formine. Ho lasciato cuocere 2/3 minuti per lato.

Ho tolto le frittelle e le ho coppate con le formine che vedete in foto.

Ho preso una sacca poche, ho inserito della robiola, ho decorato e servito.

Quando Sofia, dopo il suo bicchierino di carote e la pasta, si è vista arrivare queste frittelle ha detto che lei non le avrebbe mangiate, io le ho ricordato che era stata proprio lei a dire di mangiare gli spinaci e che quindi le avrebbe almeno dovute assaggiare.

Così dopo un pò di insistenza, ha mangiato mezza frittellina mentre gli altri commensali sono rimasti molto contenti dell’esperimento. Personalmente mi sono sentita soddisfatta, prima di tutto perchè queste frittelle sono molto delicate e morbide, quindi adatte al palato dei piccoli mangiatori esigenti, e dall’altro perchè non era scontato che le assaggiasse.

Farò nel prossimo mese questa ricetta per più di 5 volte, sperando che così diventi un piatto familiare e che lei cominci a vederlo in una nuova ottica, accetandolo. Seguirò quindi i consigli dati dalla Dott.ssa Rossella Aromando, Psicologa e Psicoterapeuta che ci ha parlato di questo ed altro durante la manifestazione Kids Food Festival.

Se siete curiosi di sapere cosa ha detto continuate a leggere qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.