Inganni culinariPrimi piattiRicette

Vellutata rosa

Vellutata di barbabietola

Oggi vi presento una vellutata di barbabietola. La barbabietola grazie al suo colore acceso è perfetta per dare colore alle pietanze. In un attimo il piatto più scialbo può diventare rosa pallido, rosa acceso o fucsia, a seconda di quanta rapa mettete.
Inoltre è un concentrato di sostanze benefiche:

1) Fibre solubili e insolubili, utili all’intestino, a tenere sotto controllo il livello di zucchero nel sangue e il colesterolo.
2) Sali minerali come ferro, sodio, potassio, calcio, magnesio e iodio. Il suo contenuto di ferro è in grado di agire positivamente sui meccanismi dell’emoglobina, rendendo di fatto l’ortaggio un rimedio contro l’anemia.
3) Vitamine del gruppo B come B1, B2, B3 e B6, utili a rafforzare il sistema immunitario, il sistema digestivo e ad attivare il metabolismo cellulare; e folati, essenziali che concorrono alla produzione dei globuli bianchi e rossi, del materiale genetico e altro.
4) Vitamina C (nel tubero) e A (nelle foglie).
5) Antocianosidi, ovvero antiossidanti.
6) Tanta acqua! Ogni rapa è composta dall’91% di acqua!

Se volete più informazioni sulle caratteristiche della rapa cliccate qui

Con tutte queste sostanze può essere un valido alleato per i nostri bimbi nei periodi di particolare stanchezza o influenza

Ingredienti per la vellutata:

150gr barbabietola già cotta, preferisco le bio ma non sempre le trovo
300gr patate
1 carota
½ cipolla o 1 scalogno
Pane in cassetta per crostini
Olio
Sale
Pepe

Ho preso la mezza cipolla e la carota, le ho tagliate finemente e le ho messe in un largo tegame insieme ad un po di olio. Ho acceso il fuoco ed ho cominciato a pelare le patate, e poi dopo averle tagliate a tocchetti le ho aggiunte in padella. Infine, ho tagliato a pezzetti la barbabietola e l’ho aggiunta.
Magicamente le patate cominceranno ad acquisire un fantastico colore rosa. A questo punto ho aggiunto l’acqua andando a coprire le verdure ed ho corretto con il sale. Se avete del brodo vegetale chiaramente verrà più gustoso. Cuocere per 15/20 min, dipenderà dalla grandezza del taglio delle patate.

Mentre le verdure si cuociono ho preso un stampo per dolci, di quelli per la pasta di zucchero, e ho fatto delle formine con il pane in cassetta, li ho poi messi in forno con un pò di olio.
A cottura ultimata delle verdure ho messo il composto nel frullatore e ho frullato fino a quando non ho ottenuto una crema setosa. Se fosse troppo fitto si può naturalmente aggiungere dell’acqua.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Come presentare questa vellutata ai bambini

Se è la prima volta che mangia questa vellutata sarà importante:

  • Utilizzare una ciotolina piccina, in questo modo non si spaventerà per la quantità
  • Quando lo proponete non fate tanti preamboli, non mettete su un sorriso a 48 denti e l’occhio spiritato come facevo io, è un piatto con un altro, non è una bomba a mano!
  • Dare il buon esempio mangiandolo insieme
  • Se riuscite a fare dei crostini potrebbero aiutarlo nel mangiare, magari inzuppando
  • Proponete un piatto nuovo per almeno 5 volte prima di decidere di gettare la spugna

 

Se non la mangia?

Nessuna tragedia se il bimbo non la mangia. Anche se questa zuppa è simpatica e anche molto buona non è detto che il vostro bambino la accetterà, soprattutto la prima volta. Cosa fondamentale non sentirsi sconfitti.

Se pensate che il sapore della rapa sia troppo particolare potete fare un passato di patate e carote e aggiungerci pochi grammi di barbabietola. Basteranno a dare colore e a dare un sapore diverso alla normale passato di patate. Una volta che il piatto sarà accettato potete aumentare il dosaggio della rapa.

Come è andata con Sofia?

Quando l’ha vista mi ha detto la fatidica frase: “io questo non la mangio!” senza lagne però, decisa, asciutta.
Ricordo quando era piccola, e ancora non avevo imparato come presentarle il cibo, gli davo dei bei piattoni di vellutata verde scuro, si faceva dei pianti interminabili e mi guardava con quegli occhioni umidi di pianto come a dire: “mamma come puoi farmi questo?
Quindi di fronte a questa reazione composta mi sono sentita forte.

“assaggiala” gli ho detto,

cosa c’è dentro?” risponde
rapetta”. Dovete sapere che Sofia adora la rapa rossa, è una cosa strana lo so, ma è così. Gliela dò spesso prima di mangiare in un bicchierino del caffè.
Comunque lei mi incalza: “solo rapetta?
e anche patata” ho dovuto ammettere
Ah, la patata non la mangio!” come a dire “mamma mi volevi fregare dandomi della patata, come ti viene in mente?”     🙄  Avere una figlia che non mangia le patate mi getta nello sconforto, io le adoro.
però sa di rapa quindi assaggiala
Ormai Sofia sa che la regola è assaggiare, quindi ha mangiato prima i crostini, che sono la cosa che più gli è piaciuta, pucciandoli nella crema, poi ha cominciato a mangiare. Alla fine ha detto che: “non era tanto buona” ma ha mangiato la metà della ciotolina, quindi mi sento soddisfatta.

Se vogliamo che i vostri figli imparino ad apprezzare i sapori della cucina dobbiamo provare, provare, provare e questa ricetta può essere una di quelle prove!

 

4 pensieri su “Vellutata rosa

  1. Ma queste regole valgono anche per gli adulti? 🤔 Ho idea che se provo a propinare la rapa rossa a mio marito farà una scenata peggiore di qualunque bimbo 😂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.